POWER DRESSING – La Regina Elisabetta II

24 Settembre 2020

Avete mai sentito parlare di Power Dressing?

E’ un potente strumento di comunicazione che fa parte del linguaggio non verbale. E’ la capacità di comunicare chi siamo e cosa vogliamo trasmettere tramite l’uso di un determinato capo d’abbigliamento, un accessorio o un taglio di capelli che ci rendo unici riconoscibili.

E’ molto usato nell’ambiente politico come strumento di unità e condivisione tramite la selezione di stili e colori che rimandano ad un determinato partito.

Ma non solo! Ogni persona che ha a che fare con un pubblico compie giornalmente (anche inconsciamente) una certa di stile che la distingue da tutti gli altri.

Oggi studiamo il caso della Regina Elisabetta II.

Sua Maestà ha fatto dei look monocromatici, insieme ai suoi inseparabili cappelli in tinta, il triplo filo di perle ed il rossetto sheer il suo tratto distintivo. E’ sempre stata coerente negli anni riuscendo così a costruire un’immagine coerente che la rappresentasse. Riuscireste ad immaginarla diversamente?

 


 

Dal punto di vista della comunicazione non verbale, il discorso della Regina alla Nazione durante l’epidemia del Covid-19 è stato un ottimo esempio.

Immancabile l’abito monocolore, di un bel verde scelto con una certa accuratezza: il verde è infatti il colore della speranza, oltre ad essere il colore dei camici dei medici inglesi (ai quali la Regina ha così voluto trasmettere gratitudine) impegnati in quel determinato periodo.

Il triplo filo di perle insieme agli orecchini è accompagnato da una spilla con una pietra turchese; il turchese è noto per le sue proprietà positive e ottimistiche, sentimenti puri che la Regina ha voluto trasmettere al suo popolo.

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply